Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

martaa1


È di Todi il progetto pilota che sensibilizza i bambini sul valore del RISPETTO nel tragitto casa-scuola


Si terrà venerdì 25 gennaio 2018 alle 17 nella Sala del Consiglio Comunale di Todi alla presenza del Sindaco, Antonio Ruggiano, dei bambini della Scuola Primaria di Portafratta e della Scuola secondaria di primo grado Cocchi-Aosta, l’evento conclusivo del progetto “LA SCUOLA NEL BUS”, PER UNO SCUOLABUS A PROVA DI RISPETTO.

All’appuntamento, oltre agli alunni e ai loro genitori, sono invitati i Dirigenti scolastici degli istituti in cui si è svolto il progetto, l’Associazione di volontariato Auser di Todi, gli autisti degli scuolabus, il Comandante della Polizia Municipale, i Rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia Stradale, della Guardia di Finanza. Nel corso dell’incontro sarà consegnato al Sindaco e alla Presidente del Consiglio Comunale, Raffaella Pagliochini, il Regolamento dello Scuolabus elaborato dai bambini.

L’iniziativa studiata per rendere i ragazzi protagonisti, autori di tutte le fasi del workshop, aveva l’obiettivo di guidarli e supportarli affinché maturassero pensieri proattivi e responsabili sul senso del RISPETTO, verso se stessi e verso gli altri.

Nella prima fase è stato organizzato presso l’Azienda detentrice degli Scuolabus un workshop con i dipendenti autisti per rilevare criticità del loro servizio e sollevare iniziative e soluzioni al problema.

Nella seconda sono stati coinvolti in laboratori di 4 ore ciascuno sul tema del RISPETTO bambini e ragazzi di 6 classi del territorio dalla V delle primarie alla II delle secondarie di primo grado. La finalità era individuare regole condivise del tempo trascorso sullo ScuolaBus, creare uno slogan e individuare dei responsabili degli Scuolabus. Al termine del piano di lavoro, lo slogan scelto dai ragazzi è stato affisso in ciascun Bus.

La terza e ultima fase ha visto la realizzazione di un corso di formazione per la prevenzione e informazione sui temi del bullismo e cyberbullismo ai conducenti degli scuolabus e alle associazioni del territorio che hanno messo a disposizione dei volontari per accompagnare i bambini durante i tragitti sugli ScuolaBus.

“ll progetto "La scuola nel bus" – ha spiegato Alessia Marta Assessore alle Politiche Familiari Sociali e Scolastiche del Comune di Todi - nasce dalla reale necessità che emerge quotidianamente dai servizi scolastici, fatta di piccole segnalazioni che lasciano intendere che lo scuolabus sia una "terra di nessuno", un luogo senza regole. L'incontro con Pepita onlus è stato in questo senso provvidenziale, perché ha colto subito la nostra esigenza e quella degli operatori del servizio e il frutto di questo lavoro, davvero apprezzabile, in termini di partecipazione e condivisione. Il "Bus del rispetto" è un orgoglio per Todi e una sfida che intendiamo raccogliere per far sì che i nostri ragazzi abbiano una coscienza delle regole e siano sin da ora buoni cittadini, attivi e propositivi. Ma è anche un segnale per sostenere ancora una volta i genitori, gli operatori del servizio di accompagnamento e gli autisti, come unione delle comunità educanti”.

   
© ALLROUNDER