Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

CoinfluenzeAttiveSabato 03 giugno nell’ambito della manifestazione CO(I)NFLUENZE ATTIVE organizzata dai Comuni di Monte Castello di Vibio e Fratta Todina per la promozione della tutela del paesaggio e della biodiversità, oltre che delle attività da praticare all’aria aperta, si è svolto un interessante convegno dal titolo “Le azioni di tutela e valorizzazione dell’agro – biodiversità della Regione Umbria”.

Grazie alla partecipazione del Dott. Luciano Concezzi del Parco 3A Tecnologico, del Dott. Roberto Luneia e del Dott. Leonardo Baciarelli della Facoltà di Agraria dell’Università di Perugia, è stato possibile approfondire tematiche riguardanti i prodotti locali del nostro territorio, in particolare pomodoro e tartufo.
Questo importante appuntamento ci ha dato modo di raccontare il sapiente lavoro svolto da un nostro concittadino, Cesare Falchetti che, negli anni, fin dalla sua giovinezza, ha continuato una profonda tradizione di famiglia permettendo di preservare fino ai giorni nostri una varietà di pomodoro dalle proprietà straordinarie.

Capace di crescere senza acqua e resistente all’attacco degli insetti in quanto dotato di una buccia particolarmente spessa, il POMODORO DI MADONNA DEL PIANO si presenta come una specie simile al pachino con struttura a grappolo. Il Parco 3A sta effettuando analisi approfondite per poterlo iscrivere al Registro Regionale delle varietà locali e, successivamente, all’anagrafe nazionale.
Si sta costituendo inoltre una associazione di giovani agricoltori che abbia tra le finalità statutarie la tutela di questo prodotto e possa, con il tempo favorire lo sviluppo di una filiera in grado di arricchire la nostra micro economia basata prevalentemente sull’agricoltura e sul turismo.
Il Comune di Fratta Todina ha invece, in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Agraria, un progetto per la realizzazione di uno spazio multimediale e didattico per la diffusione delle conoscenze scientifiche sulle piante ed in particolare della coltura del tartufo.
“I relatori ci hanno ricordato quanto sia importante mettere in campo tutte le azioni utili a preservare la nostra preziosa biodiversità, dicono i Sindaci di Monte Castello di Vibio e Fratta Todina, partendo anche dalle buone pratiche di ogni giorno e noi abbiamo il dovere di impegnarci in politiche di tutela del nostro territorio, affinché esso possa continuare a garantirci non solo l’alta qualità della vita a cui siamo abituati, ma possa diventare soprattutto il principale punto di forza della nostra economia”.

   
© ALLROUNDER