Bruno Bertini
   
FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS Feed
Pin It
   
   

istitutoagrariocantinaNuovo importante traguardo per l'Istituto Agrario di Todi, che da pochi giorni è entrato a far parte a pieno titolo nella "Rete Scuole Enologiche Italiane", organismo fondato nel 2009 di cui sono componenti solo 12 Istituti su tutto il territorio nazionale, tra cui i prestigiosi Conegliano Veneto e San Michele all'Adige, oltre ad Alba, Marsala, Avellino, Locorotdondo, Siena, Cividale del Friuli, Ascoli, Roma e Catania.

Si tratta di un "club" piuttosto esclusivo nel quale possono entrare soltanto le scuole in grado di dimostrare il possesso di vigneti con relativa attrezzatura, una propria propria cantina di produzione, un laboratorio interno per analisi chimico-enologiche e, soprattutto, un corso di studio specializzato in enologia, allo scopo di formare tecnici professionisti vitivinicoli.

Tutti requisiti posseduti dal Ciuffelli e attestati dalle verifiche dell'Associazione italana enologi.

Dalle vigne e dalla cantina dell'Istituto Agrario tuderte escono decine di etichette, sia di bianco che di rosso, alcune delle quali premiate anche a livello nazionale, come il Grechetto vincitore del "Bacco e Minerva". Negli ultimi anni sono stati impiantati anche dei campi catalogo, con varietà di viti a rischio di erosione genetica, e portato avanti un progetto di recupero del "Grero di Todi" con attività di microvinificazione sperimentale che hanno suscitato un ampio interesse tra gli esperti del settore. Di recente è stata ripresa anche la produzione di passito e di spumante.

Periodicamente gli studenti del Ciuffelli sono impegnati nelle operazioni di manutenzione e potatura del vigneto, oltre naturalmente che nella vendemmia, una delle attività proposta ad inizio anno scolastico ai ragazzi del primo anno. Gli allievi seguono poi, negli anni successivi, anche le vinificazioni condotte nella cantina sperimentale di Montecristo. Il loro percorso scolastico si arricchisce così di competenze tecniche direttamente spendibili sul mercato del lavoro, in generale, e nel comparto vitivinicolo, in particolare.

   
© ALLROUNDER